Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Middle East Media Research Institute (Memri), febbraio 2009,

Mohammad Khatami gioca le sue carte. Il più autorevole candidato riformista alle prossime elezioni presidenziali in Iran critica apertamente Mahmud Ahmadinejad, accusandolo di aver condotto il paese all'isolamento internazionale. Proprio gli effetti deleteri della retorica anti-occidentale dell'attuale presidente sui rapporti tra Iran e comunità internazionale, in un momento di estrema difficoltà economica per Teheran, saranno presumibilmente al centro della campagna elettorale di Khatami.

Predecessore di Ahmadinejad e alla guida del paese dal 1997 al 2005, Khatami sostiene la necessità di impegnarsi un un'attiva azione diplomatica per alleggerire la pressione internazionale che grava sull'Iran. Tuttavia, il candidato riformista continua a rassicurare l'establishment religioso: “intendo lavorare nel quadro dell'attuale sistema, mantenendomi fedele alla costituzione e alle istituzioni.” Una precisazione quantomai opportuna, poichè le correnti più radicali (vicine ad Ahmadinejad) non hanno mancato di accusare Khatami di voler minare le fondamenta del regime teocratico eretto dopo la rivoluzione islamica del 1978-79.

Khatami pare l'unico candidato moderato in grado di sconfiggere Ahmadinejad, che è sostenuto dalla Guida Suprema, l'ayatollah Ali Khamenei. Nonostante il suo mandato di governo non abbia entusiasmato nè l'opinione pubblica nè le alte sfere del clero sciita, Ahmadinejad mantiene il supporto dell'ala dura del regime e di ampi strati della popolazione. La sfida lanciata dai riformisti è insidiosa, ma il governo in carica spera di raccogliere i frutti sia della sua fermezza nei confronti dell'Occidente che della scelta di prevedere una serie di trasferimenti economici a favore delle fasce sociali più povere.
 

Data:





sicurezza   italia   bush   brown   america   economia   onu   ue   stati uniti   diritti umani   hamas   russia   siria   politiche sociali   crisi   energia   usa   critica sociale   israele   iran   putin   medvedev   medio oriente   terrorismo   rubriche   geopolitica   ahmadinejad   storia   sarkozy   nucleare   nato   clinton   blair   occidente   iraq   labour   francia   cina   india   obama   berlusconi   afghanistan   cultura politica   europa   ambiente   democrazia   mccain   gran bretagna